POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 22 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

risarcimento danni | 25 Giugno 2019

Giustizia sportiva: poteri e limiti del giudice amministrativo

di La Redazione

La sentenza della Corte Costituzionale n. 160/19 considera legittimo limitare al risarcimento del danno la tutela giurisdizionale avverso le sanzioni sportive, riconoscendo al giudice amministrativo il potere di utilizzare varie misure cautelari, come le ingiunzioni a pagare somme in via provvisoria.  

(Corte Costituzionale, sentenza n. 160/19; depositata il 25 giugno)

La vicenda. Un dirigente sportivo delle FIGC (Federazione italiana gioco calcio) chiedeva al TAR Lazio l’annullamento del provvedimento disciplinare della sospensione per 3 anni adottato dal “giudice sportivo” e il risarcimento del danno subito. Il TAR sospendeva provvisoriamente il provvedimento e sollevava questione di legittimità costituzionale dell’art. 2 d.l. n. 220/2003 (contenente disposizioni urgenti in materia di giustizia sportiva) anche per quanto riguarda l’interpretazione data dalla stessa Corte Costituzionale con sentenza n. 49/2011, che aveva escluso l’estensione della tutela giurisdizionale all’annullamento del provvedimento disciplinare. Ma la Consulta respinge le censure del TAR.

 

L’intervento della Consulta. In particolare, sostiene il Giudice delle leggi che la scelta di escludere l’annullamento dei provvedimenti del giudice sportivo «è frutto del bilanciamento non irragionevole fra il principio costituzionale di pienezza ed effettività della tutela giurisdizionale (articoli 24, 103 e 113 della Costituzione) e la garanzia di autonomia dell’ordinamento sportivo (articoli 2 e 18 della Costituzione)». Si esclude, dunque e ancora una volta, che l’art. 113 Cost. assicuri in ogni caso una tutela giurisdizionale illimitata contro l’atto amministrativo, poiché spetta al legislatore valutare e regolare modi ed efficacia di ciò.
Infine, la Consulta, nel comunicato pubblicato oggi, precisa che «le esigenze di protezione provvisoria possono trovare un’adeguata risposta nei caratteri di atipicità e ampiezza delle misure cautelari» a disposizione del giudice amministrativo.