POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 06 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 02 Maggio 2019

Borse di studio per i tirocini formativi presso gli uffici giudiziari: in G.U. il decreto

di La Redazione

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto 31 dicembre 2018 del Ministero della Giustizia relativo alla determinazione annuale delle risorse destinate alle borse di studio per lo svolgimento di tirocini formativi presso gli uffici giudiziari.  

In G.U. n. 100/19 del 30 aprile è stato pubblicato il decreto 31 dicembre 2018 del Ministero della Giustizia recante «Determinazione annuale delle risorse destinate all'attribuzione di borse di studio per lo svolgimento di tirocini formativi presso uffici giudiziari e per la definizione dei requisiti per la presentazione delle domande - Anno 2018».

 

Requisiti per l’attribuzione. L’ammontare delle risorse destinate alle borse di studio è stato determinato, per l’anno 2018, nel limite di € 10.819.603,00 e l’accesso al beneficio avrà luogo fino ad esaurimento delle risorse disponibili, secondo l’ordine di graduatoria, formata in base al valore crescente dell’ISEE calcolato per le prestazioni erogate agli studenti in ambito universitario.
Ai fini dell’attribuzione delle borse di studio, occorre che gli interessati ne facciano richiesta nei termini e secondo le modalità indicate. In particolare, la domanda di assegnazione deve contenere, a pena di inammissibilità, le generalità e i dati anagrafici del richiedente, il codice fiscale, la data di inizio del tirocinio, il valore ISEE e l’indirizzo di posta elettronica ordinaria presso cui si intende ricevere ogni comunicazione.
La domanda dovrà essere presentata presso l’ufficio giudiziario della giustizia ordinaria o amministrativa presso cui si è svolto il tirocinio, entro e non oltre il trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale.



Qui il decreto del 31 dicembre 2018; pubblicato in G.U. del 30 aprile 2019, n. 100