POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 19 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

privacy | 08 Ottobre 2018

Il Garante privacy sul censimento permanente Istat: garanzie per i cittadini

Con comunicato stampa del 5 ottobre 2018, il Garante per la Protezione dei Dati Personali chiede per le famiglie che dovranno rispondere al questionario per il censimento permanente con il sistema “porta a porta” una modalità alternativa di raccolta dei dati meno invasiva dell’intervista “faccia a faccia”.  

Così si è espresso il garante Privacy nel comunicato stampa del 5 ottobre 2018.

 

Tutela dei cittadini. Il Garante Privacy, dando autorizzazione all’avvio della prima fase di censimento Istat, il prossimo 8 ottobre, ai sensi del nuovo regolamento europeo, chiede che per le famiglie inserite nell’indagine “porta a porta” siano previste modalità alternative all’intervista “faccia a faccia”. Questo per evitare che la presenza fisica del rilevatore possa essere troppo invasiva e creare disagi ai cittadini, i quali si troverebbero a dare ad uno sconosciuto informazioni dettagliate relative alla propria famiglia e abitazione, a pena di sanzione.
Pertanto, sì all’avvio alla prima fase di censimento permanente da parte dell’Istat, ma con la previsione di modalità alternative al “porta a porta”.
Prosegue il Garante Privacy sottolineando che «per avviare le fasi successive, l’Istat dovrà quindi predisporre tutte le garanzie e le misure necessarie e non ancora individuate per conformare il trattamento dei dati alla normativa in materia di protezione dei dati personali».