POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 23 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
AMMINISTRATIVO

GDPR | 01 Ottobre 2018

Le FAQ del Garante Privacy sulla definizione agevolata dei procedimenti pendenti

Con la pubblicazione delle FAQ, il Garante Privacy ha fornito indicazioni operative per chiarire a soggetti privati e pubblici le modalità di fruizione della definizione agevolata dei procedimenti sanzionatori pendenti prevista dal d.lgs. n. 101/2018. L’istituto permette ai contravventori, cui siano stati notificati gli estremi della violazione o l’atto di contestazione immediata prima del 25 maggio 2018, di definire il procedimento mediante il pagamento di una somma pari a due quinti del minimo edittale previsto per la sanzione.  

Allo scopo di fornire indicazioni operative in tema di definizione agevolata dei procedimenti sanzionatori pendenti, possibilità introdotta dal d.lgs. n. 101/2018, il Garante Privacy ha pubblicato oggi sul proprio sito istituzionale delle FAQ che spiegano a soggetti pubblici e privati come esercitare tale facoltà.

 

Indicazioni. Il d.lgs. n. 101/2018, di adeguamento del codice privacy al Regolamento UE 2016/679, prevede infatti la possibilità, a partire dal 19 settembre, di definire i procedimenti sanzionatori pendenti mediante il pagamento – entro il 18 dicembre 2018 - di una somma pari a due quinti del minimo edittale stabilito per la sanzione. Possono usufruire di tale procedura quanti abbiamo ricevuto entro il 25 maggio 2018, data di piena applicazione del Regolamento UE, l’atto con il quale sono stati notificati gli estremi della violazione o l’atto di contestazione relativamente ai procedimenti sanzionatori riguardanti le violazioni di cui agli artt. 161, 162, 162-bis, 162-ter, 163, 164, 164-bis, comma 2, 33 e 162, comma 2-bis, del codice. Tra le istruzioni fornite dal Garante, vengono specificare le modalità di pagamento, l’importo ridotto per ciascuna violazione commessa ed i casi di esclusione dalle agevolazioni.