POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 30 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 27 Settembre 2018

David Ermini eletto Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura

David Ermini è stato eletto oggi, 27 settembre 2018, Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura. Arrivano gli auguri di buon lavoro dal Consiglio Nazionale Forense.

Andrea Mascherin invia al Vice Presidente del CSM un telegramma di congratulazioni.

 

La nomina del Vice Presidente e le congratulazioni. Dopo la cerimonia di insediamento della nuova composizione del Consiglio Superiore della Magistratura, svoltasi ieri al Palazzo del Quirinale con la presenza del Presidente della Repubblica, del ministro della Giustizia e delle più alte cariche istituzionali, è stato nominato oggi, 27 settembre 2018, il Vice Presidente del CSM, David Ermini.
Dal CNF, Andrea Mascherin invia al Vice Presidente un telegramma di congratulazioni che recita così: «Vivissime congratulazioni per l'elezione alla guida del CSM e un augurio di buon e proficuo lavoro nel comune interesse del miglioramento del servizio Giustizia» aggiungendo poi, «con David Ermini l'avvocatura ha già intrapreso un confronto positivo in occasione degli incontri avvenuti tra Consiglio Nazionale Forense e gruppi parlamentari».