POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 30 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 06 Luglio 2018

Elezioni CSM: i Giudici di Pace reclamano il loro diritto di voto

L’8 e il 9 luglio 2018 si svolgeranno le elezioni del magistrati componenti del Consiglio Superiore della Magistratura. L’elettorato attivo dei magistrati onorari con una nota del 2 luglio 2018 ha chiesto al Presidente Mattarella il riconoscimento del diritto di voto.

Con una nota del 2 luglio 2018 i Giudici di Pace, i Giudici onorari e i Vice Procuratori onorari chiedono il riconoscimento del diritto di voto alle elezioni dei componenti magistrati del Consiglio Superiore della Magistratura che si terranno l’8 e il 9 luglio 2018.

Il diritto di voto. A sostegno della richiesta l’UNAGIPA evidenziata che «le condizioni di lavoro dei magistrati onorari e giudici onorari in Italia non dovrebbero essere meno favorevoli rispetto a quelle dei magistrati di carriera e dei giudici di ruolo, in quanto questi ultimi possono essere considerati come “lavoratori a tempo indeterminato comparabili”».
Inoltre nella nota si legge che «il riconoscimento del ruolo dei magistrati onorari non può che partire dalla corretta applicazione del dettato costituzionale che, ai sensi dei richiamati art. 101, 102, 106, 107 impone al legislatore, e in sede di interpretazione costituzionalmente orientata, agli organi deputati alla attuazione della legge, di riconoscere l’elettorato attivo e passivo per le elezioni del CSM ai giudici di pace, ai giudici ordinari di tribunale ed ai vice procuratori onorari, come peraltro espressamente previsto dall’art. 104, comma 4, che prevede che i componenti del CSM siano “eletti per due terzi da tutti i magistrati onorari tra gli appartenenti alle varie categorie”».

 



Qui la nota dell’UNAGIPA del 2 luglio 2018