POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 19 gennaio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 17 Ottobre 2017

Il Consiglio di Stato torna sulla sinteticità degli atti difensivi

Il Presidente del Consiglio di Stato ha firmato un provvedimento che, modificando il decreto sulla sinteticità degli scritti difensivi del 22 dicembre 2016, estende alle memorie di replica i limiti dimensionali previsti per l’atto introduttivo del ricorso e per altri scritti difensivi che non abbiano una disciplina particolare.

Con il decreto 16 ottobre 2017 n. 127, il Presidente del Consiglio di Stato Alessandro Pajno ha modificato il precedente decreto 22 dicembre 2016 sulla sinteticità degli atti difensivi.

In particolare. Il decreto, che sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, estende alle memorie di replica i limiti dimensionali previsti per l’atto introduttivo del ricorso e per altri scritti difensivi che non abbiano una disciplina particolare. È stato inoltre disposto che l’istanza motivata di autorizzazione alla deroga dei limi dimensionali possa essere presentata anche autonomamente e non necessariamente in calce allo schema di ricorso.



Qui il decreto del Consiglio di Stato 16 ottobre 2017, n. 127