POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 15 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 11 Settembre 2017

La nuova veste del concorso per referendario di TAR

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 210 dell’8 settembre scorso il d.P.R. n. 132 del 4 agosto recante le modifiche al regolamento di esecuzione della l. n. 1034/1971, istitutiva dei tribunali amministrativi regionali, in materia di concorso referendario di TAR.

È stato pubblicato in G.U. dell’8 settembre 2017, n. 210 il d.P.R. del 4 agosto 2047, n. 132 che reca il «Regolamento recante modifiche agli articoli 14 e seguenti del decreto del Presidente della Repubblica 21 aprile 1973, n. 214, recante regolamento di esecuzione della legge 6 dicembre 1971, n. 1034, istitutiva dei tribunali amministrativi regionali, in materia di concorso a referendario di TAR.».

Concorso per referendario di TAR. Tra le principali modifiche apportate al regolamento vi è quella relativa alla domanda di partecipazione al concorso che deve essere inoltrata, con i relativi allegati, in via esclusivamente telematica, secondo le modalità di cui all’art. 65, d.lgs. n. 82/2005.
Un'altra importante novità riguarda la valutazione dei titoli. Infatti, ogni commissario disporrà di 10 punti per la valutazione del complesso dei titoli, la quale verrà effettuata solo nei confronti dei candidati che avranno consegnato tutte le prove scritte, prima dell’inizio della relativa correzione.
Infine, sempre in merito alla valutazione, il decreto stabilisce che la valutazione inferiore a trentacinque cinquantesimi di una delle prove scritte andrà a precludere la valutazione delle altre.
Sono queste alcune delle modifiche contenute nel d.P.R. n. 132 del 4 agosto scorso.



Qui il decreto del Presidente della Repubblica del 4 agosto 2017, n. 132; in G.U. dell’8 settembre 2017, n. 210