POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 10 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 03 Agosto 2017

Arriva il restyling per gli uffici di secondo livello

È arrivato il turno anche degli uffici di secondo livello, ha infatti ricevuto parere positivo del CSM il progetto di revisione degli organici delle Corti d’Appello e delle procure generali.

Prosegue il lavoro avviato, lo scorso anno, dal Ministro Orlando al fine di rinnovare e ridefinire le piante organiche degli uffici giudiziari.

Gli uffici di secondo livello. È ora il turno degli uffici di secondo livello, ha infatti ricevuto parere positivo del CSM il progetto di revisione degli organici delle Corti d’Appello e delle procure generali.
Le novità introdotte prevedono il superamento del vecchio principio delle “durevole stabilità” per un sistema che mira ad attuare frequenti correzioni alla “geometria dimensionale” degli uffici, al fine di meglio conciliare le scelte organizzative adottare ed eventuali mutamenti della domanda di giustizia, in modo da poter meglio gestire le pendenze.
Con tale progetto si punta a realizzare un’azione di monitoraggio, che consenta l’adozione di eventuali interventi integrativi e correttivi sulla base delle informazioni costantemente raccolte.
Il progetto si inserisce nella linea di interventi voluti dal ministro Orlando al fine di incrementare l’efficienza del sistema giudiziario, fondati sulla necessaria complementarietà tra misure di carattere normativo e di innovazione organizzativa.