POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 09 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 28 Giugno 2017

In G.U. il decreto che regolamenta l’organizzazione degli uffici amministrativi della giustizia amministrativa

Nella G.U. n. 148 del 27 giugno 2017, è stato pubblicato il decreto del Segretario Generale della giustizia amministrativa del 25 maggio, con cui vengono introdotte alcune modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente del Consiglio di Stato 15 febbraio 2005 e successive modificazioni, recante il «Regolamento di organizzazione degli uffici amministrativi della giustizia amministrativa».

Con il decreto del Segretario Generale della giustizia amministrativa del 25 maggio, oggi in G.U., vengono introdotte alcune modifiche ed integrazioni al decreto del Presidente del Consiglio di Stato del 15 febbraio 2005 e successive modificazioni, recante il «Regolamento di organizzazione degli uffici amministrativi della giustizia amministrativa».

Ufficio per il processo. Con il decreto si dispone l’istituzione dell’ufficio per il processo in ogni sezione giurisdizionale del Consiglio di Stato, TAR e presso la sezione giurisdizionale del Consiglio di giustizia amministrativa per la Regione Siciliana.
Il nuovo ufficio seguirà l’ordinario criterio secondo il quale ciascun magistrato dovrà poter contare sulla collaborazione di una unità amministrativa e di un tirocinante, ove presenti. L’ufficio si occuperà principalmente di analizzare pendenze e flussi di sopravvenienze, organizzare le udienze, compilare la scheda del fascicolo della causa, assistere i giudici nelle attività preparatorie relative ai provvedimenti giurisdizionali, individuare questioni sulle quali si potrebbero creare contrasti di giurisprudenza, raccogliere materiale e documentazione per l’inaugurazione dell’anno giudiziario, preparare report sui procedimenti in corso e ogni altro compito rientrante per legge in quello dei tirocinanti, utile a smaltire gli arretrati.
L’attivazione avverrà entro 6 mesi dall’entrata in vigore del decreto.

Ufficio studi, massimario e formazione. È inoltre istituito l'ufficio studi, massimario e formazione, che curerà, in posizione di autonomia, l'attività scientifica, la formazione iniziale e permanente e l'aggiornamento professionale dei magistrati amministrativi.
All'Ufficio saranno addetti fino ad un massimo di 20 magistrati amministrativi a tempo pieno, di cui 8 in servizio presso il Consiglio di Stato e 12 presso i tribunali  amministrativi regionali.



Qui il decreto del Segretario Generale della giustizia amministrativa del 25 maggio 2017; in G.U. 28 giugno 2017, n. 148