POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

amministrazione della giustizia | 09 Maggio 2017

Al via le prove selettive del concorso per 800 assistenti giudiziari

Sono iniziate ieri, 8 maggio 2017, le prove preselettive del concorso a 800 posti di assistente giudiziario che si svolgeranno fino al 24 maggio presso la Fiera di Roma. Grazie alle modalità telematiche utilizzate nella gestione della procedura è stato possibile monitorare la platea dei partecipanti che ricordiamo essere 308.385.

 

Sul sito del Ministero della Giustizia è stata pubblicata una chiara rappresentazione della platea dei partecipanti del concorso a 800 posti di assistente giudiziario. Le prove preselettive sono iniziate proprio ieri, 8 maggio 2017, presso la Fiera di Roma.

Geografia dei partecipanti. Sono ben il 61% le donne partecipanti al concorso indetto dal Ministero della Giustizia contro il 39% di uomini. Tra i candidati, il 47% sono diplomati mentre il 53% laureati. Il 68% sono del sud, il 21% del centro e l’11% del nord. Le regioni con maggior partecipazione sono la Campania, la Sicilia e il Lazio. La Lingua più indicata per la prova orale è l’inglese, infatti, sono ben 260.000 i candidati che la hanno scelta rispetto al francese, tedesco e spagnolo.
Tale monitoraggio dei candidati è stato possibile grazie all’adozione da parte del Ministero della Giustizia di un’innovativa gestione delle procedure con modalità totalmente telematiche e mediante un sistema realizzato dalla Direzione Generale dei Servizi informatizzati e automatizzati e dalla Direzione Generale del Personale e della formazione. Grazie a questa modalità possono dirsi raggiunti gli obiettivi di trasparenza, velocità e sicurezza delle operazioni concorsuali.