POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 28 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
AMMINISTRATIVO

bando di concorso | 15 Giugno 2016

Vietato l’invio via PEC della domanda di partecipazione ai concorsi pubblici

di Giulia Milizia

Con la digitalizzazione della pa è frequente che i bandi di concorso e/o per l’abilitazione professionale prevedano la PEC (o, per analogia, la compilazione del format online) come unica modalità d’invio della domanda d’iscrizione o, come nella fattispecie annotata, anche l’invio per raccomandata a/r, a pena di esclusione. L’annotata sentenza del Tar Puglia evidenzia l’illiceità di tale scelta dato che il d.P.R. n. 487/94 prevede che possa essere presentata solo personalmente o per raccomandata a/r, escludendo espressamente ogni altro mezzo.

(TAR Puglia, sez. III, sentenza n. 752/16; depositata il 9 giugno)

È quanto sancito dal Tar Puglia sez. III n.752 depositata il 9 giugno 2016. Si noti che nella stessa data questo Tar ha depositato diverse sentenze sui concorsi tra cui la n.759/16 in cui si esclude la violazione dell’anonimato circa le...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.