POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 03 dicembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

misure di prevenzione | 30 Ottobre 2020

Il curatore fallimentare può intervenire nel procedimento di prevenzione?

di Alfredo Foti - Avvocato penalista

La legittimazione ad intervenire nel procedimento per l’applicazione della confisca di prevenzione, cui si associa il potere di articolare una vera e propria difesa, spetta ai titolari di diritti reali, di diritti di garanzia e di diritti di godimento sui beni sottoposti a sequestro di prevenzione, e non al curatore del fallimento nella cui massa attiva siano compresi i beni sequestrati.

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 29983/20; depositata il 29 ottobre)

Il caso. Il Tribunale di Trapani, Sezione per le misure di prevenzione, dichiarava inammissibile l’intervento della curatela fallimentare della S.M. S.p.a.; avverso il provvedimento de quo, il legale del curatore ricorreva per Cassazione deducendone...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.