POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 03 dicembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

delitti contro la fede pubblica | 29 Ottobre 2020

Cui prodest? L'interesse alla commissione di un reato è un indizio valido ma non può essere l'unico

di Paolo Grillo - Avvocato penalista

Il giudizio di colpevolezza può essere supportato dalla regola dell'interesse alla commissione di un determinato reato, purché vi siano altri elementi fattuali di sicuro valore indiziante atti a supportarne la valenza dimostrativa.  

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 29877/20; depositata il 28 ottobre)

Così ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza n. 29877/20, depositata il 28 ottobre.   Il caro estinto. Un professionista viene condannato in primo e secondo grado per avere falsificato – a suo favore s'intende...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.