POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 28 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

Delitti contro il patrimonio | 05 Agosto 2020

Ruba degli abiti, si dà alla fuga ma viene bloccato dai vigilanti: il delitto è comunque consumato

di La Redazione

Nonostante il furto di alcuni capi di abbigliamento non sia andato a buon fine a causa dell’intervento degli addetti alla sicurezza, esso si qualifica comunque come consumato, e non come furto tentato, in quanto ciò che rileva è il conseguimento della piena, autonoma ed effettiva disponibilità della refurtiva, poco importa se per breve tempo.  

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 23554/20; depositata il 4 agosto)

Sul tema la Suprema Corte con la sentenza n. 23554/20, depositata il 4 agosto.     La Corte d’Appello di Torino confermava la condanna dell’attuale ricorrente per essersi impossessato di diversi capi in vendita presso...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.