POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 28 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

reati fiscali | 16 Luglio 2020

Attuazione della direttiva PIF: il testo è in Gazzetta

di La Redazione

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 177 del 15 luglio 2020 il decreto legislativo 14 luglio 2020, n. 75 recante l’attuazione della direttiva (UE) 2017/1371, relativa alla lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell'Unione mediante il diritto penale, c.d. direttiva PIF. Il testo sarà in vigore dal 30 luglio.

Dopo l’approvazione in Consiglio dei Ministri lo scorso 6 luglio, è approdato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri il decreto legislativo n. 75/2020 di attuazione della c.d. direttiva PIF.

 

Tra le novità, il testo prevede la possibilità di punire anche le ipotesi di delitto tentato per i reati fiscali che presentano l’elemento della transnazionalità, se l’imposta IVA evasa non sia inferiore a 10 milioni di euro; l’amplificazione del catalogo dei reati tributari per i quali è considerata responsabile anche la società ex d.lgs. n. 231/2001 includendovi i delitti di dichiarazione infedele, di omessa dichiarazione e di indebita compensazione; l’estensione della responsabilità delle società anche ai delitti di frode nelle pubbliche forniture, al reato di frode in agricoltura e al reato di contrabbando, modulando la sanzione a seconda che il reato ecceda o meno la soglia di 100.000 euro. Risulta ampliato anche il panorama dei delitti contro la P.A. di cui possono rispondere le società, includendovi il delitto di peculato e quello di abuso d’ufficio.

 



Qui il d.lgs. n. 75/2020; in G.U. del 15 luglio 2020, n. 175