POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 24 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

ordinamento penitenziario | 09 Luglio 2020

Il figlio spaccia droga: il padre lo accompagna in auto e dice addio all’affidamento in prova

di Attilio Ievolella

Confermata la legittimità del provvedimento adottato dal Tribunale di sorveglianza. Per i Giudici la condotta dell’uomo, posta in essere immediatamente dopo l’inizio della misura alternativa, ne segna il totale fallimento rispetto al suo processo rieducativo.

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 20270/20; depositata l’8 luglio)

Per la giustizia le colpe (e gli errori) dei figli possono ricadere sui padri. Ecco spiegato il provvedimento con cui è stato revocato l’affidamento in prova al Servizio sociale originariamente riconosciuto a un uomo, beccato a fare compagnia...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.