POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 11 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

ordinamento penitenziario | 01 Luglio 2020

Concessione del permesso premio e verifica dei collegamenti con la criminalità organizzata

di La Redazione

La Corte Costituzionale ha dichiarato illegittimo l’art. 4-bis, c. 1, ord. pen. ove non prevede che, ai detenuti per i delitti ivi elencati, possano essere concessi permessi premio anche in assenza di collaborazione con la giustizia, allorché siano stati acquisiti elementi tali da escludere l’attualità e la possibilità di ripristino dei collegamenti con la criminalità organizzata. Per questa ragione il giudice di sorveglianza deve concretamente verificare l’evoluzione della personalità del detenuto in funzione del tempo trascorso in detenzione.   

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 19600/20; depositata il 30 giugno)

Così ha deciso la Cassazione con la sentenza n. 19600/20, depositata il 30 giugno.   Il Tribunale di Sorveglianza rigettava il reclamo proposto da un condannato avverso il decreto del Magistrato di sorveglianza che aveva dichiarato...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.