POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 26 maggio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

sostanze stupefacenti | 27 Marzo 2020

Confermata la confisca del denaro rinvenuto nella casa dell’imputato condannato per spaccio

di La Redazione

Patteggiata dinanzi al GIP la condanna. Confermata ora in Cassazione la legittimità della confisca del denaro rinvenuto nell’abitazione dell’uomo all’epoca del suo arresto. Troppo datati i prelievi in contante da lui richiamati e connessi al percepimento dell’eredità paterna.

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 10660/20; depositata il 26 marzo)

L’eredità paterna e i – presunti – redditi personali e della consorte non possono mettere in discussione il sequestro di denaro – ben 6mila euro – connesso a una condanna per droga. A smentire la tesi proposta dall’uomo...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.