POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 26 maggio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

informazioni provvisorie | 27 Marzo 2020

Le Sezioni Unite Penali sull’interrogatorio di garanzia in caso di misura coercitiva del Tribunale del riesame

di La Redazione

Nel caso di applicazione di una misura cautelare coercitiva da parte del Tribunale del riesame in accoglimento dell’appello del PM contro la decisione di rigetto del GIP è necessario procedere all’interrogatorio di garanzia?  

Con l’informazione provvisoria del 26 marzo 2020, le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione hanno affrontato la controversa questione relativa al fatto se, in ipotesi di applicazione di una misura cautelare coercitiva da parte del Tribunale del riesame in accoglimento dell’appello del PM contro la decisione di rigetto del GIP, sia necessario procedere all’interrogatorio di garanzia, a pena di inefficacia della suddetta misura. La risposta della Suprema Corte è negativa.

 

 



Qui l’informazione provvisoria delle Sezioni Unite Penali del 26 marzo 2020