POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 06 aprile 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

informazioni provvisorie | 28 Febbraio 2020

Notifica all’imputato detenuto e facoltà di partecipare all’udienza camerale nel procedimento di riesame: la parola delle SS.UU.

di La Redazione

Dove va eseguita la notifica all’imputato detenuto? Ed ancora, nel procedimento di riesame avverso provvedimenti impositivi di misure cautelari personali, in che modo la persona, sottoposta alla misura, che voglia comparire all’udienza camerale può presentarne istanza? La risposta dalle Sezioni Unite penali.

Notifica all’imputato detenuto. Con l’informazione provvisoria n. 5, il Supremo Collegio affronta la questione se sia valida la notifica all’imputato detenuto eseguita presso il domicilio eletto e non presso il luogo di detenzione. La soluzione adottata dai Giudici è che la suddetta notifica va eseguita presso il luogo di detenzione.

 

Facoltà di partecipare all’udienza camerale per il soggetto sottoposto a misura cautelare nel procedimento di riesame. Con l’informazione provvisoria n. 6 le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione rispondono al quesito se nel procedimento di riesame contro provvedimenti impositivi di misure cautelari personali, il soggetto sottoposto alla misura, che voglia comparire personalmente all’udienza camerale ex art. 309, comma 8-bis, c.p.p., debba formularne istanza nella richiesta stessa di riesame o se possa presentare la richiesta anche non contestualmente ad essa, ma in tempo utile comunque per consentire la tempestiva traduzione al fine del regolare svolgimento del processo.
La soluzione adottata dalla Corte è la seguente: nel procedimento di riesame avverso i suddetti provvedimenti la persona sottoposta alla misura può esercitare il diritto di comparire personalmente all’udienza solo se ne ha fatto richiesta, anche tramite difensore, con l’istanza di riesame, ferma la possibilità di essere sentita su determinati temi con istanza di differimento (art. 309, comma 9-bis, c.p.p.).

 



Qui l’informazione provvisoria delle Sezioni Unite Penali del 27 febbraio 2020 n. 5

Qui l’informazione provvisoria delle Sezioni Unite Penali del 27 febbraio 2020 n. 6