POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 06 aprile 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

misure di sicurezza | 28 Febbraio 2020

Colpo di spugna nella vicenda Telecom - Sismi (2006): il reato c'è ma è prescritto. E i milioni intanto confiscati?

di Francesco, G. Capitani - Avvocato

I responsabili della sicurezza di Telecom Italia, alcuni apparati deviati dello Stato e più investigatori privati ingegnarono un complesso sistema di archiviazione (e vendita) di dossier e dati sensibili di note personalità politiche. Ingente il profitto: 14 milioni di euro (ed una villa) su un conto estero in capo ad uno dei promotori. Alle Sezioni Unite: accertata la penale responsabilità (in primo grado) ma prescritto il reato, vanno restituiti i milioni confiscati (solo) in via facoltativa ex art. 240, comma 1, c.p.?

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 7881/20; depositata il 27 febbraio)

Così la Cassazione, quinta sez. penale, n. 7881/2020, depositata il 27 febbraio.   I noti fatti. Il reato è prescritto, benché la sentenza di primo grado abbia accertato la penale responsabilità degli imputati...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.