POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 06 aprile 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

misure di prevenzione | 27 Febbraio 2020

Persistono sintomi di pericolosità sociale? No alla revoca

di Davide Galasso - Avvocato

In tema di misure di prevenzione, ai fini del giudizio sull'attualità della pericolosità sociale, è necessario accertare se al soggetto sottoposto siano attribuibili fatti, di qualunque tipo, sintomatici della persistenza di tale pericolosità, rilevando, in tal senso, anche quelli non costituenti reato. Nello specifico, vanno valorizzate le frequentazioni con soggetti pregiudicati e l'irreperibilità alle ricerche delle forze dell'ordine, indipendentemente dalla loro connessione con la violazione della misura di prevenzione.  

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 7613/20; depositata il 26 febbraio)

Lo ha stabilito la sesta sezione penale della Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n. 7613, depositata il 26 febbraio 2020.   I presupposti di pericolosità sociale... In tema di applicazione di misure di prevenzione, la...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.