POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 30 marzo 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

misure precautelari | 24 Febbraio 2020

La Suprema Corte conferma la mancata convalida dell’arresto di Carola Rackete nella vicenda Sea Watch 3

di Carmelo Minnella - Avvocato penalista

In sede precautelare di convalida dell’arresto o del fermo, per la sussistenza della causa di giustificazione dell'adempimento di un dovere o dell'esercizio di una facoltà legittima o della causa di non punibilità non si richiede che questa “appaia evidente”, ma che essa sia “verosimilmente esistente” sulla scorta delle circostanze di fatto conosciute o conoscibili con l'ordinaria diligenza, tenuto conto del rango costituzionale dei beni in gioco.

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 6626/20; depositata il 20 febbraio)

Questo il principio di diritto statuito dalla Terza Sezione di Cassazione, che rigetta il ricorso della Procura di Agrigento nella nota vicenda Sea Watch 3, nella nota vicenda ove il G.I.P. agrigentino non ha convalidato l’arresto di Carola Rackete,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.