POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 06 aprile 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

omicidio stradale | 21 Febbraio 2020

Oltrepassa la velocità in un centro abitato e uccide tre ciclisti: l’assenza di catarifrangenti è circostanza priva di rilievo

di Laura Biarella - Avvocato del Foro di Perugia e Giornalista pubblicista

Un uomo si era reso responsabile della morte di tre persone, investite mentre era alla guida del proprio veicolo in stato di ebrezza alcolica, a una velocità oraria stimata pari 137 km/h nonostante la velocità massima consentita fosse stata di 30. 

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 6575/20; depositata il 20 febbraio)

Dopo aver ricapitolato i principi costantemente ribaditi dalla giurisprudenza di legittimità, nell’ambito della circolazione stradale, il Collegio, nella sentenza n. 6575/20, depositata il 20 febbraio, nel dichiarare inammissibile il ricorso...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.