POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 06 aprile 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

sicurezza sul lavoro | 21 Febbraio 2020

Particolare tenuità del fatto: rilevabile d’ufficio in sede di legittimità anche se non dedotta in appello

di Paolo Della Noce - Avvocato

La causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto prevista dall’art. 131-bis c.p., nel giudizio di legittimità, può essere rilevata d’ufficio, in presenza di un ricorso ammissibile, anche se non dedotta nel corso del giudizio di appello pendente alla data di entrata in vigore della norma, a condizione che i presupposti per la sua applicazione siamo immediatamente rilevabili dagli atti e non siano necessari ulteriori accertamenti fattuali a tal fine.

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 6566/20; depositata il 20 febbraio)

Così la Corte di Cassazione con la sentenza n. 6566/20, depositata il 20 febbraio.   La vicenda. Il datore di lavoro veniva condannato ad una pena pecuniaria in relazione ai reati di cui agli artt. 590, commi 2 e 3, e 583, comma...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.