POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 29 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

risarcimento danni | 15 Gennaio 2020

Estinzione del reato per condotte risarcitorie e riparatorie: chi, quando e come valuta il quantum del danno?

di Fabio Valerini - Avvocato cassazionista, Dottore di ricerca nell'Università di Roma Tor Vergata

Per il codice civile il risarcimento del danno deve essere sempre integrale e deve comprendere, quando non sia possibile provvedere in forma specifica, tanto il danno emergente quanto il lucro cessante.

(Giudice di Pace di Torino, sentenza n. 640/19; depositata il 31 ottobre)

(Giudice di Pace di Torino, sentenza n. 620/19; depositata il 10 ottobre)

(Tribunale di Parma, sentenza n. 463/19; depositata il 4 marzo)

Ma quando il legislatore penale fa riferimento al risarcimento del danno intende riferirsi sempre e comunque al risarcimento del danno come inteso dal codice civile oppure c’è spazio, in quelle sedi, anche per valutazioni “quantitativamente”...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.