POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 28 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

reati sessuali | 09 Gennaio 2020

Abbraccio a sorpresa e troppo invadente: è violenza sessuale

di La Redazione

Confermata la condanna per l’uomo sotto processo di oltre 60 anni, colpevole di avere all’improvviso abbracciato la vicina di casa, provocando un imprevisto contatto tra i due corpi, con tanto di toccamento del seno. Decisivo per i Giudici il fatto che la donna fu colta di sorpresa dal comportamento dell’uomo e non ebbe alcuna possibilità di difendersi.  

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 378/20; depositata il 9 gennaio)

Un abbraccio troppo invadente può valere una condanna per violenza sessuale. A constatarlo un uomo di oltre 60 anni, punito per l’atteggiamento eccessivamente affettuoso avuto nei confronti di una vicina di casa (Cassazione, sentenza n....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.