POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 09 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

codice della strada | 05 Dicembre 2019

Guida alterata dall’assunzione di stupefacenti: all’esame tecnico si aggiungono le “evidenze obiettive”

di Laura Biarella - Avvocato del Foro di Perugia e Giornalista pubblicista

E’ affetta da “deficit motivazionale” la pronuncia che, condannando l’imputato per il reato contravvenzionale ex art. 187 c.d.s., ometta di supportare, all’asserito stato di alterazione rilevato mediante esame tecnico, le “evidenze obiettive”. Queste, infatti, sono idonee a fornire indicazioni in ordine alla circostanza che l’assunzione di stupefacenti avesse, o meno, provocato, un’effettiva alterazione della condizione psico-fisica del conducente.  

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 49178/19; depositata il 4 dicembre)

Lo ha sentenziato il Collegio della IV Sezione Penale della Corte di Cassazione, nella pronuncia n. 49178/19 depositata il 4 dicembre.   La vicenda. Una donna, imputata per il reato contravvenzionale previsto e punito dall’art. 187...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.