POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 14 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

ordinamento penitenziario | 04 Dicembre 2019

Reati ostativi e permessi, per la Consulta è inammissibile punire ulteriormente il detenuto che non collabora

di La Redazione

Dalla Consulta arriva oggi la sentenza n. 253/2019 con cui è stato affermato che il detenuto per reato di associazione mafiosa o di contesto mafioso può essere “premiato” se collabora con la giustizia, ma non “punito” ulteriormente se non collabora. È, dunque, costituzionalmente illegittimo l’art. 4-bis, comma 1, ord. pen. laddove non contempla che il giudice, nelle indicate condizioni, possa concedere al detenuto il permesso premio.  

(Corte Costituzionale, sentenza n. 253/19; depositata il 4 dicembre)

Non può essere ulteriormente punito, negandogli benefici riconosciuti a tutti, il detenuto per un reato di associazione mafiosa, se non collabora, poiché in tal caso «la presunzione di pericolosità resta ma non in modo assoluto perché può essere superata se il magistrato di sorveglianza ha acquisito elementi tali da escludere che il detenuto abbia ancora collegamenti con l’associazione criminale o che vi sia il pericolo del ripristino di questi rapporti». Tale presunzione può essere vinta «soltanto qualora vi siano elementi capaci di dimostrare il venir meno del vincolo imposto dal sodalizio criminale».
È, dunque, costituzionalmente illegittimo l’art. 4-bis, comma 1, ord. pen. laddove non contempla che il giudice, nelle indicate condizioni, possa concedere al detenuto il permesso premio. Tale incostituzionalità deriva proprio dal contrasto con i principi di ragionevolezza e di funzione rieducativa della pena, di cui agli artt. 3 e 27 Cost. ed è stata estesa a tutti i reati compresi nel suddetto art. 4-bis, comma 1, ord. pen., oltre a quelli di associazione mafiosa e di contesto mafioso, puniti anche con pena diversa dall’ergastolo.
Infatti, non è la presunzione in sé ad essere in contrasto con la Costituzione ma la sua “assolutezza”.

 

Per un’attenta e dettagliata analisi della pronuncia in oggetto, pubblicheremo a breve un approfondimento a firma dell’avv. Carmelo Minnella, il quale si è già occupato giorni fa della questione con un accurato approfondimento.