POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 07 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

disturbo della quiete pubblica | 11 Ottobre 2019

Galli nel cortile condominiale: il loro canto è ripetuto e fastidioso. Condannato il proprietario

di La Redazione

Venti giorni di arresto per l’imputato, che ha lasciato i suoi animali liberi di ‘esprimersi’ e di arrecare fastidio alle persone residenti nel palazzo. A certificare il problema anche due sopralluoghi di un tecnico dell’Arpa. Evidente la colpevolezza del padrone dei galli, che ha volutamente ignorato i richiami dell’amministratore condominiale e le proteste di alcuni residenti.  

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 41601/19; depositata il 10 ottobre)

Pessima idea, senza dubbio, quella di tenere galli e galline in una baracca nel cortile di un condominio. Per gli animali, difatti, il contesto è ovviamente irrilevante, e non può certo ‘bloccare’ il loro istinto naturale,...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.