POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 22 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

delitti contro la persona | 06 Agosto 2019

«Diventerai cibo per vermi»: frase solo provocatoria

di La Redazione

Cadono definitivamente le accuse per un uomo che ha rivolto un’espressione carica di rabbia verso un altro uomo. L’episodio si è verificato in strada, mentre entrambi i protagonisti erano nelle rispettive auto. Per i giudici è illogico parlare di parole aventi carattere minatorio, anche perché i due uomini hanno continuato ad incontrarsi dopo il fattaccio in casa di una terza persona.  

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 34133/19; depositata il 26 luglio)

«Bastardo, la pagherai, diventerai cibo per i vermi»: frase, questa, esecrabile, ma non catalogabile, secondo i giudici, come una vera e propria minaccia. Decisivi anche il contesto e la posizione paritaria dei protagonisti per dare una...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.