POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 06 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

reato continuato | 16 Luglio 2019

Lo stile di vita come elemento sintomatico per il riconoscimento della continuazione tra reati

di La Redazione

Il riconoscimento della continuazione in sede esecutiva presuppone l’accertamento in ordine alla sussistenza di taluni elementi, come l’omogeneità delle violazioni e del bene protetto, la contiguità spazio-temporale, le abitudini programmate affinché, dopo tale verifica, possa ritenersi che, al momento della commissione del primo reato, gli altri fossero almeno stati programmati nelle loro linee essenziali.    

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 30962/19; depositata il 15 luglio)

Lo ha ribadito la Corte di Cassazione con sentenza n. 30962/19, depositata il 15 luglio.   Il caso. Il Tribunale per i minorenni di Napoli rigettava l’istanza di applicazione della disciplina del reato continuato di cui all’art....

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.