POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 19 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

Misure di prevenzione personali | 12 Giugno 2019

Le prescrizioni per i sorvegliati speciali: legittime soltanto se assistite da specifica motivazione

di Paolo Grillo - Avvocato penalista

Le prescrizioni di non partecipare a pubbliche riunioni e di permanere in casa in orario notturno, associate alla misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, devono essere sorrette dall'illustrazione delle specifiche ragioni che le rendono necessarie nel singolo caso concreto, in funzione del controllo della pericolosità sociale del proposto.    

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, sentenza n. 25771/19; depositata l’11 giugno)

Così ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione, Sezione Sesta Penale, con la sentenza n. 25771 depositata il giorno 11 giugno 2019.   Un sorvegliato molto speciale. Un soggetto, già condannato per atti persecutori, sequestro...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.