POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 06 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

voto di scambio | 28 Maggio 2019

Voto di scambio: in G.U. la legge che modifica l’art. 416-ter c.p.

di La Redazione

Ha trovato pubblicazione in Gazzetta Ufficiale la legge n. 43/2019 che modifica l’art. 416-ter c.p. in materia di voto di scambio politico-mafioso. Il provvedimento entrerà in vigore l’11 giugno 2019.    

Pubblicazione in Gazzetta. È stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale (n. 122 del 27 maggio 2019) la legge 21 maggio 2019, n. 43 recante la modifica all’art. 416-ter c.p. in materia di voto di scambio politico-mafioso.

Nuovo art. 416-ter c.p.. Nel dettaglio, la vecchia formulazione del suddetto articolo verrà sostituita dalla seguente:
«Chiunque accetta, direttamente o a mezzo di intermediari, la promessa di procurare voti da parte di soggetti appartenenti alle associazioni di cui all'art. 416-bis o mediante le modalità di cui al terzo comma dell'art. 416-bis in cambio dell'erogazione o della promessa di erogazione di denaro o di qualunque altra utilità o in cambio della disponibilità a soddisfare gli interessi o le esigenze dell'associazione mafiosa è punito con la pena stabilita nel primo comma dell'art. 416-bis. La stessa pena si applica a chi promette, direttamente o a mezzo di intermediari, di procurare voti nei casi di cui al primo comma. Se colui che ha accettato la promessa di voti, a seguito dell'accordo di cui al primo comma, è risultato eletto nella relativa consultazione elettorale, si applica la pena prevista dal primo comma dell'art. 416-bis aumentata della metà. In caso di condanna per i reati di cui al presente articolo, consegue sempre l'interdizione perpetua dai pubblici uffici».
Il provvedimento entrerà in vigore l’11 giugno 2019.

 



Qui la legge del 21 maggio 2019, n. 43; in G.U. del 27 maggio 2019, n. 122