POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 17 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

delitti contro la persona | 23 Maggio 2019

Atti vandalici contro i vicini di casa: moglie e marito condannati per stalking

di Attilio Ievolella

Inequivocabili i comportamenti dei due coniugi, registrati da un sistema di video sorveglianza. La coppia presa di mira si è ritrovata il campanello smontato, la cassetta della posta distrutta e l’immondizia nel cortile di casa. Tutte azioni idonee, secondo i Giudici, a provocare ansia e paura.  

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 22843/19; depositata il 23 maggio)

I pessimi rapporti di vicinato possono arrivare a costare addirittura una condanna. Soprattutto se si concretizzano in veri e propri danneggiamenti. Esemplare, a questo proposito, la vicenda che ha visto moglie e marito ritenuti colpevoli di stalking...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.