POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 19 giugno 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

accesso abusivo a sistema informatico | 21 Maggio 2019

Accesso abusivo e detenzione/diffusione di codici di accesso: concorso apparente di reati

di Alessio Ubaldi

Il meno grave delitto di detenzione/diffusione di codici di accesso non concorre con quello, più grave, di accesso abusivo a sistema informatico del quale costituisce naturalisticamente un antecedente necessario, sempre che quest’ultimo sia contestato, procedibile e integrato nel medesimo contesto spazio-temporale in cui fu perpetrato l’antefatto ed in danno della medesima persona fisica.  

(Corte di Cassazione, sez. II Penale, sentenza n. 21987/19; depositata il 20 maggio)

Lo ha stabilito la seconda sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 21987, depositata in cancelleria il 20 maggio 2019.   Phishing su codici di accesso. Nel caso di specie una donna e un uomo sono stati sottoposti a...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.