POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 16 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

delitti contro la fede pubblica | 10 Aprile 2019

Possesso di carte di credito clonate, “non inizializzate”: punibilità ridotta

di Alessio Ubaldi

L’installazione, all’interno del sistema bancomat, di scanner per banche magnetiche per la raccolta e la memorizzazione di dati preordinate ad intercettare comunicazioni relative al sistema informatico integra il reato - di pericolo -  di falsificazione dei mezzi elettronici di pagamento e di prelievo, reato che si pone, in termini prodromici e strumentali rispetto alla clonazione cui pure è finalizzato.  

(Corte di Cassazione, sez. V Penale, sentenza n. 15665/19; depositata il 9 aprile)

Lo ha stabilito la quinta sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 15665/19, depositata in cancelleria il 9 aprile.   Carte (quasi del tutto) clonate. Nel caso di specie, tre uomini e una donna sono stati colti in possesso...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.