POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 17 febbraio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

ingiusta detenzione | 08 Febbraio 2019

Pena estinta e ordine di scarcerazione: per l’equa riparazione ci sono termini decadenziali

di Alessio Ubaldi

L’esecuzione di un ordine di carcerazione originariamente legittimo ma relativo ad una pena risultante estintasi, in ragione del lungo arco temporale intercorso tra l’emissione del titolo e la sua esecuzione, determina l’ingiustizia della detenzione sofferta e, dunque, la configurabilità del diritto all’equa riparazione, da azionare – senza deroghe – entro i termini decadenziali di legge rectius della Consulta (sentenza Corte Cost. n. 310/1996).  

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 5917/19; depositata il 7 febbraio)

Lo ha stabilito la Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5917, depositata in cancelleria il 7 febbraio 2019.   Pena estinta, detenzione ingiusta. Nel caso di specie, un uomo ha visto rigettare il proprio ricorso...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.