POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 17 febbraio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

impugnazioni | 08 Febbraio 2019

Ricorso per cassazione: quali i limiti del giudizio di legittimità?

di Alfredo Foti - Avvocato penalista

Inammissibile il ricorso per cassazione fondato sugli stessi motivi proposti con l’appello e motivatamente respinti in secondo grado, sia per l’insindacabilità delle valutazioni di merito adeguatamente e logicamente motivate, sia per la genericità delle doglianze che, così prospettate, solo apparentemente denunciando un errore logico o giuridico determinato, si manifestano in realtà quali prive dell’imprescindibile requisito della specificità.  

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 5895/19; depositata il 7 febbraio)

Il caso. La Corte di Appello di Milano confermava la sentenza con cui il Giudice di prime cure aveva affermato la penale responsabilità di V.P.C. per il reato di cui all’art. 186, commi 1 e 2, lett. c), c.d.s. e lo aveva condannato alla...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.