POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

giustizia penale | 23 Gennaio 2019

Muta il Collegio giudicante, quando la nullità della sentenza?

di Francesco, G. Capitani - Avvocato

Alle Sezioni Unite il dubbio se l’immutabilità del giudicante ex art. 525 c.p.p. debba essere intesa sin dall’ammissione delle prove, fino alle escussioni testimoniali ed alla deliberazione. Inoltre, in caso di mutamento del Collegio, il silenzio serbato dalle parti equivale a consenso alle prove già acquisite?  

(Corte di Cassazione, sez. VI Penale, ordinanza n. 2977/19; depositata il 22 gennaio)

Così la Cassazione, Sesta Sezione Penale, n. 2977/2019, depositata il 22 gennaio.   Le questioni rimesse alle Sezioni Unite. Si tratta di una dinamica processuale assai frequente nelle aule giudiziarie, di grande interesse le soluzioni...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.