POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 28 febbraio 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

giustizia penale | 14 Dicembre 2018

Modifica della prescrizione dei reati: i penalisti di nuovo in sciopero

di La Redazione

Dopo l’astensione protrattasi dal 20 al 23 novembre scorso, l’Unione delle Camere Penali Italiane ha indetto una nuova astensione per il 17 e 18 dicembre. Si tratta, come si legge nella delibera del 30 novembre 2018, della reazione dei penalisti alla serrata calendarizzazione dei lavori parlamentari al Senato sul disegno di legge anticorruzione, approvato peraltro il 13 dicembre.  

La Giunta dell’Unione delle Camere Penali Italiane, preso atto «che la maggioranza di Governo persevera nella proposta di modifica dell’istituto della prescrizione dei reati, nonostante le forti critiche avanzate dai penalisti italiani, dal CNF, e dall’Accademia in sede di audizione innanzi alla Commissione Giustizia della Camera», ha proclamato l’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore penale per i giorni di lunedì 17 e martedì 18 dicembre 2018, «convocando per tale ultima data una manifestazione nazionale da tenersi in Bari, per invitare il Parlamento italiano a dare ascolto alle critiche e alle proposte che la comunità dei giuristi italiani ha lanciato nella grande manifestazione nazionale di Roma dello scorso 23 novembre».
I penalisti reagiscono quindi con una nuova astensione dalle udienze a seguito della serrata calendarizzazione al Senato della discussione del disegno di legge anticorruzione, approvato peraltro ieri da Palazzo Madama. Il testo passa ora alla Camera in terza lettura.

 



Qui il testo del d.d.l. anticorruzione approvato dal Senato il 13 dicembre 2018