POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 25 agosto 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

corruzione | 13 Dicembre 2018

Via libera del Senato al disegno di legge anticorruzione

di La Redazione

È stato approvato oggi al Senato il maxiemendamento sostitutivo del disegno di legge anticorruzione. Il testo adesso torna alla Camera, con l’intento del Governo di ottenere il via libera definitivo in terza lettura entro fine anno.  

L’approvazione. Il provvedimento, sul quale il Governo ha posto la fiducia, è stato approvato dal Senato ottenendo 162 voti favorevoli, 119 voti contrari e un astenuto.
Adesso il testo torna alla Camera, in cui l’approvazione dovrebbe avvenire la prossima settimana.
Al riguardo, il Guardasigilli Alfonso Bonafede afferma che è stato fatto un ulteriore passo avanti per l’approvazione di un testo normativo che i cittadini aspettano da più di 20 anni. Si tratta di una legge fondamentale attraverso la quale viene fissato un principio fondamentale, ovverosia: «chi sbaglia paga, si ristabilisce il principio della certezza della pena. Chi viene condannato in via definitiva con questa legge va in carcere, senza possibilità di evitarlo. C'è uno Stato e c'è un governo che stanno dalla parte dei cittadini onesti di questo Paese e c'è una lotta senza tregua alla corruzione». Con queste parole ha concluso il Ministro della Giustizia.