POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 11 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

giustizia penale | 19 Novembre 2018

Riforma del processo penale: da domani l’astensione dei penalisti

di La Redazione

A seguito dell’annuncio di alcuni giorni fa del Guardasigilli Bonafede, in tema di riforma del processo penale, sullo stop alla prescrizione dopo il primo grado del processo, la Giunta dell’Unione delle Camere Penali delibera l’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore penale nei giorni 20, 21, 22 e 23 novembre 2018.

L’astensione dei penalisti. Secondo le vigenti regole di autoregolamentazione e nel rispetto della sentenza della Corte Costituzionale n. 180/2018 (ossia con esclusione dei procedimenti con imputati detenuti in custodia cautelare), le Camere Penali hanno deliberato l’astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore penale da domani 20 novembre e per tutta la settimana (fino al prossimo 23 novembre), esclusi i circondari di Salerno e Trieste interessati da astensioni indette dalle Camere Penali territoriali con delibere rispettivamente 24 ottobre 2018 e del 23 ottobre 2018.
Questa è stata la reazione dei penalisti dopo l’annuncio del Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede sullo stop alla prescrizione dopo il primo grado di giudizio.
L’obiettivo è quello di un processo breve, in cui il Giudice pronunci una sentenza nei confronti dell’imputato in un tempo ragionevole e definito.
Nella delibera della Giunta dell’Unione delle Camere Penali si evince che «vi è nei penalisti italiani grande preoccupazione per tali ipotesi di riforma e per gli immaginati scenari che mirano a sottrarre pezzi di libertà e di garanzie di ciascuna persona e prefigurano la autoritaria involuzione delle leggi penali; ma vi è anche forte determinazione nel respingere un così imponente attacco ai principi del diritto penale liberale e del giusto processo».
Al tal proposito, inoltre, in concomitanza con tale sciopero, è stata convocata a Roma per il giorno 23 novembre 2018 una manifestazione nazionale in difesa della Costituzione e dei diritti della persona, che si terrà alle 10.00 presso il Teatro Manzoni.
Il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Roma ha deciso di indire un’adunanza straordinaria presso il teatro Manzoni contemporaneamente alla manifestazione dell'Unione delle Camere Penali Italiane, «per sostenere, anche simbolicamente, tale iniziativa, esprimendo in particolare la propria contrarietà all’emendamento relativo alla sospensione dei termini di prescrizione dopo la sentenza di primo grado».