POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 21 novembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

confisca | 09 Novembre 2018

Confische e beni di lusso

di Erica Larotonda

L'applicazione dell'art. 240, comma 3, c.p. (nel caso di confisca di un bene, detenuto dall'imputato per contratto di leasing, risolto all'applicazione della misura e, quindi, rimasto nella titolarità della concedente) postula la prova della non estraneità al reato di quest'ultima. Deve ritenersi estraneo al reato anche chi ne abbia tratto un vantaggio, in una condizione soggettiva di buona fede.  

(Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza n. 50907/18; depositata l'8 novembre)

È quanto affermato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza n. 50907/18, depositata l'8 novembre.   Il caso. Il GIP presso il Tribunale competente, in qualità di giudice dell'esecuzione, respingeva l'opposizione...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.