POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 18 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

disturbo della quiete pubblica | 17 Aprile 2018

“Condotta rumorosa” per tutta la notte: da valutare stazza dei cani e contesto abitativo

Sotto accusa la padrona, colpevole di aver lasciato da soli i quadrupedi sul terrazzo di casa. Questa condotta non è sufficiente per una condanna. La prescrizione chiude il processo penale, ma determinati approfondimenti potrebbero rivelarsi utili in sede di processo civile.  

(Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza n. 16677/18; depositata il 16 aprile)

Latrati, guaiti e un ripetuto abbaiare per buona parte della notte. Per questo motivo tre cani finiscono sotto accusa. A processo, ovviamente, la loro padrona, a cui viene contestato il reato di disturbo della quiete pubblica. Non bastano però...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.