POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 21 ottobre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

guida in stato di ebbrezza | 24 Novembre 2017

Verbale dell'alcoltest non depositato: nessuna nullità

di Paolo Grillo - Avvocato penalista

Il verbale che contiene gli esiti del c.d. “alcoltest” non è soggetto al deposito secondo la disciplina processuale che riguarda gli atti cui hanno diritto di assistere i difensori, trattandosi infatti di un documento formato dalla polizia giudiziaria con modalità urgenti e indifferibili. Ne discende che il suo omesso deposito non integra alcuna nullità ma una mera irregolarità, ininfluente ai fini della validità e della utilizzabilità dello stesso.

(Corte di Cassazione, sez. IV Penale, sentenza n. 53282/17; depositata il 23 novembre)

Così ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione, Sezione Quarta Penale, con la sentenza n. 53282 depositata il 23 novembre 2017. Due birre son troppe? La risposta è un poco scientifico “può essere”. Certamente...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.