POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 09 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

giustizia penale | 10 Luglio 2017

Le modifiche alla tutela dei Corpi politici, amministrativi o giudiziari sono in G.U.

È stata pubblicata in Gazzetta ufficiale n. 157 del 7 luglio 2017 la Legge 3 luglio 2017, n. 105 recante «Modifiche al codice penale, di procedura penale e al testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 maggio 1960, n. 570, a tutela dei Corpi politici, amministrativi o giudiziari e dei loro componenti».

Così la l. n. 105/2017 in Gazzetta Ufficiale del 7 luglio 2017, n. 157.

Corpi politici, amministrativi e giudiziari. L’art. 1 della Legge estende il catalogo dei soggetti passivi del reato di cui all’art. 388 c.p., ricomprendendovi anche i singoli componenti di Corpi politici, amministrativi e giudiziari o di una qualsiasi amministrazione, per cui la rubrica del reato è ora modificato in «Violenza o minaccia ad un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ai suoi singoli componenti». Tale reato viene altresì inserito tra i delitti non colposi per i quali è previsto l’arresto obbligatorio in flagranza.

Atti intimidatori. Si prevede inoltre l’introduzione dell’art. 399-bis c.p., «Circostanza aggravante. Atti intimidatori di natura ritorsiva ai danni di un componente di un corpo politico, amministrativo o giudiziario» secondo il quale: «Salvo che il fatto costituisca più grave reato, le pene stabilite per i delitti previsti dagli articoli 582, 610, 612 e 635 sono aumentate da un terzo alla metà se la condotta ha natura ritorsiva ed è commessa ai danni di un componente di un Corpo politico, amministrativo o giudiziario a causa del compimento di un atto nell’adempimento del mandato, delle funzioni o del servizio». Tale disposizione non si applica qualora il fatto ivi descritto sia stato causato da Pubblico Ufficiale o incaricato di pubblico servizio ovvero il pubblico impiegato che abbia ecceduto con atti arbitrari i limiti delle sue attribuzioni.
Infine, «chiunque con minacce o con atti di violenza ostacola la libera partecipazione di altri alle competizioni elettorali» soggiace alla pena prevista al comma 1, art. 90 del T.U..



Qui la legge 3 luglio 2017, n. 105; in G.U. del 7 luglio 2017, n. 157