POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 18 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

giustizia penale | 15 Marzo 2016

Sorveglianza nell’UE: in Gazzetta Ufficiale il decreto attuativo della decisione quadro

E’ approdato nella Gazzetta Ufficiale n. 61 del 14 marzo 2016, il d. lgs. n. 38/2016, attuativo della decisione quadro 2008/947/GAI , relativa al reciproco riconoscimento delle sentenze e delle decisioni di sospensione condizionale in vista della sorveglianza delle misure di sospensione condizionale e delle sanzioni sostitutive.

L’attuazione della decisione quadro GAI. Il d.lgs. n. 38/2016 contiene disposizioni finalizzate a conformare il diritto interno alla decisione quadro 2008/947/GAI del Consiglio, del 27 novembre 2008, concernente l’applicazione del principio del reciproco riconoscimento alle sentenze e alle decisioni di sospensione condizionale in vista della sorveglianza delle misure di sospensione condizionale e delle sanzioni sostitutive.
Il provvedimento è strutturato in quattro Capi (disposizioni generali, trasmissione all’estero, trasmissione dall’estero, disposizioni transitorie e finali).
L’art. 4 del decreto definisce gli obblighi e le prescrizioni, impartiti con la sospensione condizionale della pena, le sanzioni sostitutive o la liberazione condizionale, cui si applica il corpus normativo.
Gli artt. 5 e 9 tratteggiano la competenza, individuandola, per la trasmissione all’estero dei provvedimenti, nel pubblico ministero presso il giudice indicato dall’art. 665 c.p.p., e, per la ricezione del provvedimento dall’estero, nella Corte d’Appello del distretto in cui il condannato ha residenza legale o abituale.
Gli artt. 6 e 7 disciplinano la procedura di trasmissione all’estero del provvedimento, mentre l’art. 12 delinea il procedimento di ricezione delle richieste di riconoscimento di una sentenza o di una decisione di liberazione condizionale proposte dall’autorità competente di altro Stato membro.
L’entrata in vigore del provvedimento è prevista per il 29 marzo 2016.