POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 16 settembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PENALE e PROCESSO

giustizia penale | 15 Gennaio 2016

La popolazione carceraria in calo: i dati del Ministro Orlando

Il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, rispondendo ad un question time alla Camera dei Deputati ha fornito, in data 14 gennaio 2016, dati aggiornati in relazione al sovraffollamento degli istituti penitenziari. Si è registrato, nel 2015, un notevole aumento dei soggetti sottoposti a misure alternative alla detenzione, con conseguente diminuzione della popolazione carceraria.

I numeri di via Arenula. Il Ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ha reso note le cifre relative allo spinoso problema del sovraffollamento delle carceri, esprimendo soddisfazione per il calo della popolazione carceraria, scesa a 52.164 detenuti, dei quali più della metà (39.274) sottoposti a regime di esecuzione esterna.
Il Ministro ha raffrontato tali cifre con quelle relative al 2010, evidenziando un aumento di quasi 18.000 unità con riferimento ai soggetti sottoposti a misure non detentive.
Orlando ha rilevato come le suddette cifre certifichino un cambiamento nella cultura dell’esecuzione della pena ed ha elogiato il lavoro degli operatori della giustizia e degli enti locali, che permettono l’inserimento lavorativo di carattere riparativo (12.687 posti di lavoro resi disponibili nel 2015).
Anche la Presidente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati, Donatella Ferranti, relatrice della l. n. 67/2014 sulla messa alla prova, ha avuto parole positive sui dati di cui sopra; dopo oltre un anno dall’entrata in vigore della normativa, l’introduzione di misure alternative alla detenzione sembra dare risultati incoraggianti.